- Una proteina “ripara DNA” contro le recidive

Cosi come il corpo può diventare resistenti agli antibiotici, certi metodi di uccisione dei tumori possono finire per creare cellule tumorali resistenti. Ma un professore della University of Central Florida ha trovato una proteina presente in diversi tipi di cancro, compresi seno e  ovaie, che potrebbe essere utile per prevenire le recidive dei tumori.

“Tutte le cellule hanno un meccanismo di riparazione del DNA”, ha spiegato Jihe Zhao, un medico e ricercatore che nei mesi scorsi ha pubblicato diversi articoli relativi alla proteina nel Journal of Biological Chemistry e Oncogene, tra gli altri.  KLF8 è iperespressa in specifici tumori, come il cancro al seno e alle ovaie. L’idea è che se siamo in grado di impedire che l’accensione, potremmo essere in grado di evitare che il tumore ritorni. Abbiamo ancora bisogno di fare ricerche , ma è plausibile.

Ci sono tra 2,5 milioni e 2,7 milioni di donne che hanno il cancro al seno negli Stati Uniti e da 10 a 20 per cento  ha una recidiva, secondo l’American Cancer Society. Attuali opzioni di trattamento, a seconda della fase del cancro, la rimozione chirurgica seguita da chemioterapia utilizzando una combinazione di  farmaci. Ogni anno a circa 22.200 donne viene diagnosticato un cancro alle ovaie (in Italia la stima e’ fra i 4000 e i 5000 casi).

I risultati suggeriscono che oltre a migliorare la resistenza ai farmaci delle cellule tumorali, KLF8 potrebbe svolgere un ruolo nel disturbo dell’integrità genomica attraverso la sua funzione di riparazione del DNA e successivamente contribuire alla progressione aggressiva di cancro.

Se vuoi partecipare alla discussione generale sul tumore ovarico, collegati al nostro BLOG!    http://www.carcinomaovarico.it/blog/

admin | 01.29.13 | Senza categoria, , , , | No Comments |

- alti livelli di calcio nel sangue e tumore ovarico

 Un nuovo studio condotto dal Wake Forest Baptist Medical Center è il primo a segnalare che i livelli elevati di calcio nel sangue potrebbero essere un segnale di cancro ovarico.

L’autore Gary G. Schwartz, Ph.D., un epidemiologo  alla Wake Forest Baptist, e il suo collega, Halcyon G. Skinner, Ph.D., dell’Università del Wisconsin Carbone Cancer Center, ha esaminato le associazioni tra di calcio nel sangue e il cancro ovarico in due gruppi di popolazione. Hanno trovato che le donne a cui e’ stato successivamente diagnosticato un cancro alle ovaie e le donne che sono decedute per questa causa avevano  livelli di calcio nel sangue più alti , rispetto alle donne che non lo avevano prima della diagnosi di cancro.
(continua…)

admin | 01.24.13 | Senza categoria, , , , | No Comments |

- nuove ipotesi del premio Nobel James Watson

Gli antiossidanti? Per i tumori in stato avanzato favoriscono la progressione, e non la prevenzione, della malattia. Rivoluzionaria teoria del premio Nobel per la medicina James Watson. Il biologo statunitense, ultraottantenne, pubblica una nuova ipotesi che può essere la chiave di volta per una cura contro il cancro. Le terapie seguite finora? “In alcuni casi sono dannose”. Poi chiede con forza: “Acceleriamo lo sviluppo di farmaci antimetastasi”. E avverte: “Se non siamo in grado di trovare un modo di ridurre i livelli di antiossidanti, fra 10 anni i tumori all’ultimo stadio saranno incurabili come oggi”.

Lo studio di Watson sta facendo molto rumore. Si tratta solo dell’ultima ricerca del premio Nobel, pubblicata su “Open Biology” (rivista specializzata della Great Britain’s Royal Society), che a soli 34 anni vinse il riconoscimento per aver svelato la struttura della molecola del Dna e aperto la strada alle scoperte più sensazionali sul genoma.

Anche se la mortalità per molti tipi di cancro è in calo, la statistica che pesa di più è quella che ci dice che molti tumori epiteliali e di fatto tutti quelli mesenchimali rimangono in gran parte incurabili” (continua…)

admin | 01.10.13 | Senza categoria, , , , , | No Comments |