- Ritardare le recidive col BEVACIZUMAB

MILANO - Si aprono nuove strade nel trattamento del tumore dell’ovaio, che ogni anno in Italia colpisce circa 4500 donne (nella forma più frequente, quella epiteliale) e provoca 3mila decessi. Il bevacizumab, farmaco biologico inibitore dell’angiogenesi che agisce “tagliando i viveri” al tumore, ha infatti dimostrato di aumentare del 15 per cento a un anno la probabilità per le donne di vivere più a lungo senza che la neoplasia progredisca o si ripresenti. Un risultato importante per una forma di cancro che nell’80 per cento delle pazienti tende a recidivare. (continua…)

admin | 11.03.10 | Senza categoria, , , , , , | 3 Comments |

- Un mab (Avastin) contro l’angiogenesi

Dicono che visulizzare il proprio tumore e immaginare la sua morte grazie ai medicinali aiuti il nostro sistema immunitario a farlo davvero.Io questo non lo so, pero’ credo che questo filmato faccia molto chiaramente capire come funziona un mab che, in poche parole, fa morire di fame il tumore che non ha piu’ vasi per alimentarsi. Bastano le immagini….

http://www.youtube.com/watch?v=3xmlYr1AGx8&feature=related

admin | 07.17.10 | Senza categoria, , , , , | No Comments |