- AIUTIAMO LA RICERCA DELLA PROF.SSA PATERLINI. CONTATTI PER RICHIESTA INFORMAZIONI

Se avete delle domande specifiche sull’ISET potete scrivere all’equipe della Prof.ssa Paterlini a iset@rarecells.com

Siccome la ricerca procede e quello che rimane da capire (quale organo queste cellule andranno a colpire) e’ fondamentale, chi volesse aiutare gli studi puo’ contribuire collegandosi al sito www.stl-dono.it

A riguardo di seguito riporto le parole della Prof.ssa Paterlini dalla mail che ci ha inviato

“Se qualcuna volesse aiutarci, il sito www.stl-dono.it permette di contribuire alle nostre ricerche e a noi permette di avanzare con la gente (il nostro sogno).
I diritti di autore del libro Uccidere il Cancro sono tutti versati alla ricerca accademica che portiamo avanti. Il libro mi ha anche permesso di porre le basi scientifiche in modo che tutti quelli che l’hanno letto potranno capire “il seguito”, perché certo lo raccontero’.”
Un caro saluto
PPB
admin | 05.02.17 | Senza categoria, , , , , , | No Comments |

LA PROF. PATERLINI CI HA RISPOSTO

Ciao a tuti,

avendo ricevuto tante richieste di informazioni sull’ISET   della Prof.ssa Paterlini, le ho scritto e lei ci ha gentilissimamente risposto subito. La domanda che le ponevamo era se l’ISET puo’ essere utilizzato per le persone che hanno gia’ un tumore o solo da chi un tumore ancora non l’ha sviluppato. Questo interessa soprattutto le donne che sono in remissione ma che vivono la costante paura di un ritorno del tumore.  Sotto potete leggere la sua risposta:

“Buongiorno Signora Paoletti,
grazie delle sue parole di incoraggiamento !
Allora, si’ come dico sempre il test ISET per soggetti senza diagnosi di tumore non é pronto, perché vogliamo sviluppare la parte che permette di dire da che organo le CCC derivano.
Invece il test é pronto per le persone che hanno già avuto diagnosi di tumore (compreso quelli in remissione) per scoprire precocemente l’invasione tumorale.
Quello che é successo é che abbiamo messo in diffusione il test per i pazienti che hanno già avuto una diagnosi di tumore. In seguito al primo e unico articolo scientifico che mostra che un metodo (il nostro ISET) ha potuto “vedere” il tumore invasivo (quello del polmone) prima dell’imaging (TAC, radiografia, PET)  é stato diffuso dalla stampa, inducendo le persone senza diagnosi di tumore a chiedere il test. Il nostro dovere é spiegare le cose chiaramente alla gente.
Non lavoriamo per il commercio ma per i pazienti
Grazie del suo aiuto
Cordialissimi saluti”
admin | 05.02.17 | Senza categoria, , , , , , | No Comments |