Articoli

– L'aloe arborescens aumenta l'efficacia della chemio

Stampa
L’ aloe arborescens (non Aloe Vera) e’ una delle piante con piu’ spiccata attivita’ anticancerogena e la sua proprieta’  antineoplastica e’ dovuta a tre diversi meccanismi: antiproliferativo, immunostimolante e antiossidante.

Uno studio Italiano e’ stato condotto recentemente su 240 pazienti con tumori solidi matastatizzati, ai quali e’ stata somministrata chemioterapia con e senza aloe, in maniera randomizzata.

Risultati: le percentuali di regressione del tumore e di controllo della malattia sono state significativamente piu’ alte nei pazienti trattati con chemio+aloe, cosi come la percentuale di sopravvivenza a 3 anni.

potete visualizzare lo studio completo nel pdf allegato (inglese, ma le tabelle sono molto chiare) aloearborescens

Se vuoi partecipare alla discussione generale sul tumore ovarico, collegati al nostro BLOG! https://www.carcinomaovarico.it/blog/

2 Commenti

  • elena

    Anche io già un anno fa quando si è ammalata la mia mamma di carcinoma ovarico venni a conoscenza dei benefici dell’aloe arborescens,ho cercato un po’ di informazioni in merito e la cosa che mi ha fatto credere che forse dovevo aspettare ad usare l’aloe fu l’informazione che tra le tante vitamine esistenti nella pianta c’è la B12 ed è risaputo in campo medico che alimenterebbe il cancro….Non so cosa pensare e ho evitato di farla assumere alla mamma. Credo sia un toccasana perchè previene il cancro ed è portentosa per far aumentare le difese immunitarie. Ci sono popolazioni che ne fanno uso quotidiano e nessuno si ammala di cancro!

Rispondi